Pioggia di miliardi dall'UE. Subito un Ufficio Europa Comunale. Vietato dormire!

Pioggia di miliardi dall’UE. Subito un Ufficio Europa Comunale. Vietato dormire!

fondi europei giornale di latin asarubboIn questi giorni di campagna elettorale molti candidati propongono di realizzare opere pubbliche un po’ ovunque senza preoccuparsi di dire quanto costano e con quali risorse possono essere finanziate. Siamo alla fiera dell’improvvisazione e questo non aiuta il dibattito politico ma, soprattutto, non aiuta la nostra città ad uscire dalla crisi a cui è stata costretta da venti anni di malgoverno delle destre.

Noi in realtà abbiamo una grande opportunità di rimpinguare le casse comunali e di molte imprese del nostro territorio e questa opportunità si chiama Europa.

La programmazione europea 2014-2020 prevede lo stanziamento di oltre 40 miliardi per l’Italia ai quali si aggiungono 20 miliardi di cofinanziamento nazionale. La maggior parte sono rivolti alle imprese ma molti di questi possono essere intercettati anche dagli enti locali.

Si stima che in questi 7 anni alla Regione Lazio saranno destinati circa 4 miliardi di euro se consideriamo anche i Fondi SIE (destinati alla coesione economica, sociale e territoriale necessari a ridurre il divario fra le regioni più avanzate e il cui sviluppo è in chiaro ritardo).

Molti di questi fondi servono per realizzazione case di cura, fondi europei latina oggi sarubbointerventi contro rischio idrogeologico, bonifica terreni inquinati, tutela della costa, raccolta differenziata, banda larga, trasporti, contrasto alla povertà, formazione professionale.

Latina può e deve arrivare per prima e per far ciò dobbiamo metterci alle spalle la sciatteria e l’incapacità di chi ha governato sino ad oggi. Di chi si è reso responsabile della perdita di milioni di euro di fondi Plus destinati allo sviluppo del litorale e centinaia di migliaia di euro di contributi regionali destinati alla sistemazione delle nostre scuole. Questo è avvenuto perché il Comune di Latina non è attrezzato per progettare, programmare, rendicontare secondo gli elevati standard richiesti dai soggetti finanziatori (Regione, Governo, Unione Europea).

La prima cosa da fare è aprire un Ufficio progettazione e un Ufficio Europa con le seguenti competenze richieste: progettisti, esperto in politiche comunitarie, responsabile dei Partenariati internazionali, tecnico finanziario per le rendicontazioni, esperto in lingue straniere.

L’ufficio dovrà svolgere la doppia attività di back office (intercettare fondi pubblici per il nostro territorio) e di front office (informazione e orientamento a cittadini e imprese sulle normative e le politiche comunitarie).

Dobbiamo investire in competenza e solo così potremo uscire fuori dalla palude della mediocrità e delle raccomandazioni a cui la destra ci ha abituati. Per portare a Latina i milioni di euro messi a disposizione dalla finanza pubblica agevolata servono uomini e donne di straordinaria competenza capaci di progettare, preparare dossier di candidatura, rendicontare rigorosamente le spese. Uomini e donne che a Latina non mancano.

Close